Nuova agitazione autunnale all’orizzonte

di Walter Antonio Lanotte

Si sta

come d’autunno

sugli alberi

le foglie.

Giuseppe Ungaretti, Soldati

A partire da ieri, 17 settembre, i cittadini greci (con l’appoggio di Syriza e dei maggiori sindacati del paese) hanno inaugurato una nuova ondata di scioperi, contro le decisioni del governo conservatore di Samaras e della pedissequa applicazione dei suggerimenti tecnocratici dei funzionari della troika. In particolare, i piani di Atene sono la ricapitalizzazione delle banche, riduzione delle pensioni, un nuovo sistema di tassazione per gli immobili e il licenziamento entro quest’anno di 25mila impiegati del settore pubblico, (di cui 15mila nei prossimi 15 mesi) per soddisfare le condizioni poste alla Grecia dalla famosa triade Bce-Fmi-Ue per i prestiti internazionali di salvataggio. Siamo di fronte insomma, all’ennesimo massacro sociale di natura europeista, come se già non bastasse la disoccupazione, ormai giunta al 26%! I lavoratori, gli studenti, ed anche i medici (indignati a causa di provvedimenti indecorosi come la chiusura di cliniche e l’aumento del ticket del 400% per i ricoveri ospedalieri) non ci stanno. Tutti in sciopero per 3 giorni, fino al 19 settembre, sostenuti dall’ADEDY, sindacato del settore pubblico. Sostegno anche dalla Gsee, sindacato che raggruppa dipendenti del settore privato e dal Pame, sindacato di matrice comunista vicino al Kke.

Una vera e propria agitazione sociale di massa, che mostra come un popolo numeroso ed eterogeneo, che sia del settore privato o di quello pubblico, possa esprimere la propria solidarietà e il proprio sdegno, unendosi, di fronte a quelle politiche d’austerità che negli ultimi anni hanno generato licenziamenti, privatizzazioni varie e persino la svendita del patrimonio pubblico e dei beni sociali comuni.

Autunno preoccupante dunque per la Grecia, pregna di problemi economici, di scontri politici tra Samaras e i rappresentanti dell’opposizione di Syriza, e l’avanzare di consensi del partito neonazista di Alba Dorata. Proprio tale partito, tramite uno dei suoi esponenti si è reso colpevole dell’uccisione di un rapper antifascista, Pavlos Fissas (noto al pubblico come Killah P), barbaramente ammazzato a coltellate. Ciò che più ci fa preoccupare è la percentuale di consensi che il partito neonazista greco sta riscuotendo: il 12%!

Alba Dorata dunque c’induce ad un’ ulteriore riflessione sulla logica interna del capitalismo e dei possibili spiragli ideologici a cui esso deve affidarsi: il fascimo infatti altro non è che una degenarazione intestina del capitalismo stesso, pronto a scatenarsi, e ad essere usato dalla principali forze oligarchico-conservative dello Stato per assicurarsi la propinazione di ideali omofobi, razzisti e xenofobi, nuove possibilità di mercato (che incrementano il profitto, logica ultima e principale legge etico-morale), l’eliminazione degli ideali socialisti e l’accettazione di quest’idea economica da parte dei cittadini, che in momenti di crisi acuta come questa, si affidano anche ad Alba Dorata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*